Schützen am Gebirge


Schützen am Gebirge, che ancora oggi viene spesso chiamata con l’antico nome “Gschiaß” del dialetto locale, è una tipica comunità del Burgenland settentrionale, con un carattere spiccatamente agricolo-contadino, l’ultima località sulla Wulka prima che sfoci nel Lago di Neusiedl, incastonata tra il paesaggio collinare di Rust e la catena dei Leithagebirge. Circa 1000 ettari di superficie a foreste, 700 ettari a campi coltivati e circa 130 ettari di vigneti per circa 70 aziende vitivinicole.

L’originario “Schmalangerdorf” conserva ancora oggi complessi di abitazioni con timpano, in alcuni casi in ottimo stato, ed è il luogo ideale per un soggiorno rilassante. In centro si trova la piazza del paese con la fontana, un’opera in ceramica dell’artista locale Robert Schneider, alle cui spalle si staglia la facciata  del centro parrocchiale, abbellito dalla vetrata artistica del Prof. Erich Stanschitz, la “Maria Maddalena“.

La chiesa parrocchiale, con la facciata ovest in stile barocco e protetta da una cinta di difesa, è dedicata a Santa Maria Maddalena. Sul territorio comunale sono dislocati pannelli informativi con immagini ottimamente curati e ottimamente restaurati, che si trovano lungo stradine di campagna talvolta asfaltate, come ad esempio la pista ciclabile R 50 che costituisce il collegamento per il capoluogo del Land da un lato e per il ciclo-tour del Lago di Neusiedl dall’altro

Il “Goldberg”, il rilievo più elevato delle colline di Rust – 224 m sul livello del mare – è diventato area di tutela ambientale totale nel 1973 a motivo della sua flora particolare (prati aridi, roverelle, una straordinaria varietà di fiori). Da qui è anche possibile godere di una vista grandiosa sul lago fino a Frauenkirchen e attraverso la valle Wulkatal fino al Schneeberg.



One moment please, data loading ...

Nach oben